RSS feed RSS feed   Facebook Facebook   Twitter Twitter    
Bellezza e salute
Consulenze
Convenzioni
Corsi
Donna e femmina
Ecologia e ambiente
Formazione
Informazione pubblictaria
Lavoro
Le tue segnalazioni
Lex
Moda e modi
News
Oroscopo
Parlano i lettori
Passaparola
Aforismi d'oro
Aforismi per Amore
Aforismi per Tempo
Diciamo la verità
Fammi ridere un po'
Fermati un attimo
Il linguaggio dei fiori
Parla con lei
Pollice rosa
Proposte
Sorridi con me
Un uomo,una donna
Solidarietà
Viaggi / Accomodation
PASSAPAROLA
Invia ad un amica/o
Tendenze 2011 di Cristina Obber
Si informano i signori automobilisti che in caso di autostrada con 4 corsie, la corsia da lasciare libera è quella più a sinistra, non quella più a destra.
 
Si informano i signori automobilisti che in caso di autostrada con 4 corsie, la corsia da lasciare libera è quella più a sinistra, non quella più a destra.
Devono essersi persi questa precisazione gli “autostradalisti della a4, che inesorabilmente si ostinano a gareggiare per chi sta più a sinistra degli altri.
Allora mi chiedo: perchè non riservare dunque la corsia più a destra alle biciclette e dare vita alla più lunga e scorrevole pista ciclabile d' Europa, anzi, che diamine!, del mondo?
Basterebbe erigere un muro a separare la prima corsia dalle altre, per realizzare un ambìto quanto innovativo progetto pseudo-ambientalista. Una Milano-Venezia by bycicle, che libererebbe le provinciali di quei rompi-maroni giallo-fucsia o arancio-bluette che nelle carreggiate larghe due metri pedalano a due a due, istigando i più bassi istinti di chi, al volante, quasi quasi vorrebbe essere al booling.
A proposito di bassi istinti, mentre percorrevo l'autostrada ascoltavo alla radio i commenti di alcuni genovesi allarmati per l'imminente arrivo degli immigrati perché “potrebbero essere pericolosi per le mamme e i bambini, ha dichiarato una degli intervistati.
Ricordo che di solito le mamme subiscono aggressioni da mariti/fidanzati o ex mariti/fidanzati, e che le violenze sui bambini si riscontrano maggiormente tra le mura di casa, dei vicini di casa, tra le mura della parrocchia o della scuola, per colpa di adulti che di clandestino non hanno il passaporto bensì ignobili vizi celati da virtu'

Ciò non toglie che anche io desidererei una linea più dura contro la delinquenza, ma universale e non discriminante, che riesumi quell'articolo 3 della costituzione sempre più bistrattato.

Se fossi una mamma genovese mi preoccuperei anche delle svastiche che affiorano sui muri della città, sulle quali nessuno intervista nessuno, per buona sorte dei gruppi di neo nazisti tanto cari a Borghezio e compari.

Un mese fa sono stata tamponata da un rumeno, da poco in Italia suppongo, visto il suo pessimo italiano.
Il giorno dopo l'incidente mi ha telefonato per assicurarsi che stessi meglio. Udite udite! un rumeno gentile e premuroso, roba da non credere.

Sempre alla radio – l’a4 è appunto lunga - ho ascoltato poi un tale di destra, Buontempo, che alla domanda del conduttore se avesse accettato l'iscrizione al suo partito di un gay, ha risposto che non vi è alcuna discriminazione MA un'incompatibiità di valori.
Mumble Mumble…

Mentre famiglia cristiana scrive che “L'attacco del presidente del Consiglio alla scuola pubblica, bollata come scuola bolscevica, colpevole di non costituire un serbatoio sicuro di voti del Pdl come una divisione di Publitalia, non aiuta la scuola pubblica, la ministra dell’istruzione di questa destra firma tagli come una dea bendata –tanto viaggia con l’auricolare -.
Anche la lega brilla di iniziativa, con l’assessora Monica Rizzi che si spaccia non solo per laureata, ma addirittura come esperta di tematiche infantili, e si permette di dare consulenze persino se si tratta di temi delicati quali l’abuso sessuale.

E’ rispetto per educatori e bambini questo? Alle mamme preoccupate per gli immigrati chiedo di preoccuparsi anche di tali indecenze, perché essere abbindolati e circuiti, soprattutto in tema di crescita e formazione, DEVE far paura.

E allora, con tutto il rispetto per le ideologie che non mi appartengono, non mi è rimasto che rammaricarmi per “questa destra e per gli italiani che continuano a starle dietro, perché della loro ideologia e dei loro valori, a “questa destra non importa una sega.

Certo l’alternativa non brilla di eccellenza, ma di più equilibrio e decoro, senz’altro.

Oggi più che mai questo paese dovrebbe tendere a sinistra, e vorrei non lo facesse soltanto in autostrada.
 
============================================
Vuoi dire la tua sul blog?
 
++++++++++++++++++++++++
 
Leggi qui altre di pollice rosa
io non ci sto: per una tv libera dagli stereotipi
Pubblicità Condizioni di uso Credits
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità del materiale. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001