RSS feed RSS feed   Facebook Facebook   Twitter Twitter    
Bellezza e salute
Consulenze
Convenzioni
Corsi
Donna e femmina
Ecologia e ambiente
Formazione
Informazione pubblictaria
Lavoro
Le tue segnalazioni
Lex
Moda e modi
News
Oroscopo
Parlano i lettori
Passaparola
Aforismi d'oro
Aforismi per Amore
Aforismi per Tempo
Diciamo la verità
Fammi ridere un po'
Fermati un attimo
Il linguaggio dei fiori
Parla con lei
Pollice rosa
Proposte
Sorridi con me
Un uomo,una donna
Solidarietà
Viaggi / Accomodation
PASSAPAROLA
Invia ad un amica/o
Gli ormoni di Cristina Obber
Una convivenza forzata e non bene accetta che ci insegue per tutta la vita.
 
Tra i 30 e i 40 anni, nelle cenette tra donne, si finisce col parlare di uomini.

Fidanzati, ex fidanzati, mariti o ex mariti, colleghi, amici, rimorchiatori da autogrill, chitarristi con cui flirtare in un locale underground, fruttivendoli brillanti che ti caricano la spesa in auto (lo faranno anche quando ne avrai veramente bisogno??), lavavetri al semaforo con occhi vivi, rappresentanti di aspirapolveri, dentisti.

Dopo, e per un bel po’, di uomini si comincia a parlare più distrattamente, e il più delle volte con una certa sufficienza. Si spiattellano le analogie nei difetti e le manchevolezze, si confrontano equilibri ma soprattutto squilibri di coppia, su cui si sospira e si sorride.

Dopo, e per un bel po’, tra i 40 e 50 anni, si finisce col parlare di ormoni.
Tra l’ antipasto e il primo si passa dalle ricette alle intolleranze alimentari, per scivolare durante il secondo verso rughe ed emicranie, e ritrovarsi al dessert a puntualizzare sui dettagli di un attacco d’ansia, elargire consigli per contrastare la sudorazione, confidare in rimedi omeopoatici per i dolori muscolari e i ritardi del ciclo.

Al caffè si parla di sbalzi d’umore.

Per scoprire che gli attacchi isterici o depressivi con i quali ci rendiamo insopportabili ai nostri familiari non dipendono da noi, che non siamo né più stronze né più stanche.

Siamo semplicemente in balia degli ormoni, microscopici esserini in circolo nel nostro corpo ai quali ci dobbiamo rassegnare.
Dopo anni di lotte per l’emancipazione, dobbiamo imparare a soggiacere.

Ma non è solo questo che ci turba.
Questi nuovi compagni di avventure e sventure, sembrano assumere personalità propria, per confonderci, destabilizzarci, inquietarci.
E noi li detestiamo. Perché?

Perché detestiamo convivere con qualcuno più capriccioso di noi!
 
 
vuoi dire la tua?
io non ci sto: per una tv libera dagli stereotipi
Pubblicità Condizioni di uso Credits
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità del materiale. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001